Menu

Traduction français>italien et italien>français

Traduction de l’anglais, du catalan et de l’espagnol vers l’italien

Tiziana Camerani

P. IVA intracom.: IT 06992511003
+39 333 2308 104 (M) / +39 0657 305 033

tiziana@parole-parole.it

 

1

Muriel Morelli

SIREN (Partita IVA) : 451 695 696
+33  (0)6 28 25 79 16 (M) / +33 (0)5 61 99 89 57

muriel@parole-parole.it

Un rêve d’Italie: la collection du marquis Campana

Pubblicato in: Senza categoria

Sono mie le traduzioni per la splendida mostra  “Un rêve d’Italie: la collection Campana” al Louvre (17 novembre 2018 – 18 febbraio 2019).

Qui all’inaugurazione.

arianna Giuditta IMG-20181108-WA0015maestro dei cassoni pannello di esempio piramide sposi

IMG-20181108-WA0019

“Giampietro Campana, direttore del Monte di Pietà di Roma, fu una delle figure più brillanti della società romana del suo tempo e un personaggio romanzesco. Riunì la più importante collezione privata dell’Ottocento, ma trascinato dalla sua insaziabile passione per l’accumulo di opere d’arte, fu arrestato nel 1857 per peculato e condannato al carcere, pena poi commutata in esilio. La sua collezione venne posta in vendita.
Ma Campana non fu solo un collezionista compulsivo: la sua raccolta può essere considerata un gesto politico nel periodo, il Risorgimento, in cui (ri)nasceva la nazione italiana. La sua ambizione di presentare un panorama completo dei tesori archeologici e artistici dell’Italia è segno della sua simpatia per il movimento che, contro il potere papale, militava per l’unità del Paese. In tal senso, la Collezione Campana ha rivestito un’importanza capitale nel definire da un punto di vista politico e culturale il patrimonio italiano.
Il prestigio della Collezione Campana oltrepassò le Alpi. L’Inghilterra, la Russia e la Francia si contesero la raccolta, a riprova dell’influenza che ancora esercitava in Europa il modello culturale italiano. In Francia in particolare, l’acquisto nel 1861 della maggior parte della collezione, che trovò posto nel Museo del Louvre e in diversi musei di provincia, rappresenta un capitolo decisivo nella politica culturale di Napoleone III e nella storia delle collezioni francesi.”